News Catania Calcio

R. Gaucci: “Nel 2003 Bianco ci aiutò moltissimo. Mi auguro scelga imprenditori che riportino il Catania in alto”

riccardogauccicalcioweb
Comments (7)
  1. Gianni calcio scrive:

    Noi ti rossoazzurriiiiiiiiii, abbiamo capito che è tutto un imbroglio a discapito di Antonino Pulvirenti, anche se il Pulvirenti voleva comprare qualche partita come lui ha dichiarato, alla fine hanno fregato anche lui, e da come abbiamo capito, i ” compari”, non hanno comprato nessun giocatore, e non ci he stato nessun illecito sportivo, i soldi di Pulvirenti, sono finiti nelle loro tasche, ecco perché si sono avvalsi dalla facoltà di non rispondere, perché sanno che hanno sbagliato.

  2. Salvo 1 scrive:

    Il solo tentativo di combine , anche il solo averlo pensato è già un grave atto e non si può continuare con questa dirigenza .

  3. Concetto scrive:

    Gianni calcio sono d’accordo con te!chi ci ha rimesso frutto capitale faccia e’ Pulvirenti noi tifosi l’Amore grande per il CATANIA…..

  4. Gianni calcio scrive:

    Sono d’accordo Salvo, hanno fatto bene, a dare le dimissioni, Pulvirenti, e Cosentino, perché il solo a pensare di comprare le partite, già mi viene da vomitare, Pulvirenti quello che ha costruito in un decennio, negli ultimi due anni, ha distrutto tutto. Si è fatto pure fregare 500.000euro,da chi si fidava, per ” loro”era la gallina dalle uova d’oro. Ha tentato di comprare le partite, ma quei ” furboni”, non’hanno comprato nessuna partita, i ” signori ”, i 500.000 euro, se li sono messi in tasca ” loro ”. Allora perché la squadra, e la tifoseria rossazzurra, devono pagare per colpa altrui?????!!!!!

  5. Salvo 1 scrive:

    Purtroppo le leggi del calcio fanno pagare gli altrui misfatti agli incolpevoli appassionati che hanno nel calcio uno svago irrinunciabile.
    Bisogna buttare fuori come è stato detto ‘i mercanti dal tempio’.,
    è inammissibile per uno sportivo andare a vedere una competizione sportiva ed avere il sospetto che possa essere truccata. Allora questa gente, chiunque essa sia appartenente al sud o al nord, a squadra blasonata o no , per il bene dello sport non deve più far parte di questo mondo dove si può vincere o perdere ma sempre con onestà.

  6. Giovanni48 scrive:

    In questa occasione non voglio parlare di Pulvirenti e di Cosentino, ma voglio spendere due parole per questo ragazzo, che pur non essendo catanese, quando è stato presidente del Catania ci ha messo il cuore. Il padre era un filibustiere, ma lui si era veramente innamorato della maglia rossazzurra.

  7. daniele87r scrive:

    Si era innamorato tanto che il suo Catania era fallito! Se non era per il vecchio Pulvirenti,quello umile e non montato,il Catania non esisteva più.
    Certo ora quest’ultimo sta rischiando di far sparire il Calcio Catania 1946.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Testata giornalistica sportiva iscritta nel registro giornali e periodici del tribunale di Palermo N.1/2016 del 17/01/2015 Direttore Responsabile: Daniele Di Frangia