Un orto a basso consumo d’acqua, è possibile!

Davanti agli episodi ricorrenti di caldo torrido, ci troviamo costretti ad adattarci. Fortunatamente, esistono molti semplici ed efficaci per continuare a coltivare serenamente le … riducendo anche la bolletta dell'acqua!

Annaffiare senza spreco nel tuo orto

Primo istinto: annaffiare presto al mattino o dopo il tramonto per ridurre drasticamente lo spreco di acqua a causa dell'evaporazione naturale. Raccogliendo l'acqua piovana ai piedi dei tubi di scolo, potrai persino annaffiare gratuitamente e prevenire le carenze durante i periodi di forte calura. Usa moderatamente l'acqua, alcuni giardinieri tendono a innaffiare troppo le loro verdure, specialmente alla fine della . Conseguenza? Una sensibilità eccessiva delle piante al minimo colpo di calore, una perdita evidente di sapore, soprattutto per i pomodori o i meloni.

A differenza dell'irrigazione con il tubo o a spruzzo, l'irrigazione a goccia permette di controllare le quantità. La coltivazione dell'orto a strati o su tumuli, cara alla permacultura, è anche un'opzione da considerare per risparmiare molta acqua. In ogni caso, è importante seguire giorno per giorno le previsioni meteorologiche per evitare inutili annaffiature alcune ore prima di un'episodio piovoso. Un semplice pluviometro ti fornirà informazioni precise sulle recenti precipitazioni, tenendo presente che tra 5 e 10 mm dovrai integrare con annaffiature. Al di là di questa quantità, il terreno dovrebbe aver assorbito sufficiente acqua, a condizione che non ci siano troppe perdite per scorrimento.

Coprire il terreno per limitare l’evaporazione

Anche se il famoso detto “Una zappatura vale due annaffiature” rimane vero, la pacciamatura risulta essere molto meno laboriosa e riduce anch'essa del 50% le annaffiature. Assicurati in anticipo di stendere questa copertura protettiva su un terreno umidificato, sia da una bella pioggia che da una buona annaffiatura il giorno prima. Come gli isolanti di un tetto, la pacciamatura deve coprire l'intera superficie dell'orto, comprese le strade di terra e i sentieri, per evitare che l'acqua si sposti verso le parti non coperte ed evapori. Ricorda inoltre che più la pacciamatura è fine, ma spessa nella sua applicazione, maggiore sarà il suo ruolo isolante.

Di conseguenza, le scagliette di lino o di canapa tra le file di verdure, così come i residui della falciatura nei sentieri, si rivelano molto più efficaci della paglia. Tieni presente che 10 cm di residui della falciatura secca equivalgono a 20 cm di paglia. Per migliorare il tuo piano anti-siccità, il terreno dell'orto deve essere precedentemente arricchito con compost.

Sottile o grossolano, questa preziosa materia organica consente all'acqua, specialmente durante i forti temporali estivi, di penetrare in profondità nel terreno. Costituisce quindi una riserva importante che si metterà progressivamente al servizio delle tue colture.

In un terreno sabbioso e quindi molto drenante, l'aggiunta di compost serve anche a trattenere l'acqua. Con una quantità di 10 litri di compost per m2 di orto, ti conviene riciclare il maggior numero possibile di rifiuti vegetali in diversi bidoni.

Puntare su verdure a basso consumo d’acqua

Immagina che le lattughe, i pomodori o le carote coltivate su 1 m2 richiedano tra i 2 e i 4 litri di acqua al giorno! E questa quantità può aumentare fino a 6 litri se coltivi nell'est della Francia. Senza contare che questi bisogni sono maggiori durante la semina o l'installazione delle giovani piante. Punta invece sulla cipolla, l'aglio o lo scalogno, che si rivelano verdure molto più parsimoniose. Cambia anche le tue abitudini privilegiando le colture i cui bisogni di acqua sono generalmente coperti dalle precipitazioni autunnali o addirittura invernali: spinaci, pastinaca, fava, ravanello nero e bietola.

Un'altra pista: favorisci le piante perenni come il topinambur, il porro perenne, il cardo e il carciofo, molto più resistenti agli episodi di siccità rispetto alle classiche verdure annuali. Più esotici, la patata , il fisalis, la tetragonia e il cece si mantengono saldi sotto il sole cocente.

Preferire l’ombra

Tutte le vecchie guide di ti diranno che un orto produttivo deve essere coltivato con il massimo di sole. Ma con le siccità e i record di temperature battuti ogni anno, bisogna rendersi conto che un po' d'ombra non fa male. Del resto, i nostri nonni avevano l'abitudine di coprire con una scatola i semi di ravanelli, cicoria e carote invernali seminati durante i periodi più caldi dell'estate. Puoi anche usare questa tecnica per offrire un po' di ombra ai tuoi frutti di zucche e zucca dalla pelle così sensibile.

Approfitta anche delle grandi piante che proteggeranno efficacemente le più piccole dal sole. Così, i fagioli nani beneficeranno di una bella ombra vegetale se sono circondati da due file di topinambur. Con la protezione di grandi cosmos o cece, le tue fragole attraverser

Lascia un commento