Editoriale: B ricca di insidie, si torna a soffrire