Vox populi: Catania, batti il cinque