Il dietro front di Andrea Sottil tiene ancora i giochi aperti