Catania, il 4-3-1-2 il modulo della svolta?