Catania, il 2019 e una partenza falsa. Cambia l’obiettivo?