Aya non dimentica il passato: “Andria e Reggiana, rialzatevi e non mollate”