Editoriale: un castello crollato troppo presto